Nuova seduta in rialzo per le Borse europee che dopo il recupero di ieri sono state in grado di spingersi ulteriormente in avanti, chiudendo gli scambi in salita. A correre più degli altri è stato il Ftse100 con un vantaggio delo 0,88%, seguito dal Cac40 e dal Dax30 che si sono apprezzati rispettivamente dello 0,58% e dello 0,44%.

Ftse Mib ancora in rialzo: quanto durerà?

In luce verde anche Piazza Affari che ha visto il Ftse Mib terminare gli scambi a 21.670 punti, con un progresso dello 0,77%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 21.767 e un minimo a 21.542 punti.
L'indice ha avviato gli scambi in salita e grazie alla tenuta dei 21.500 punti ha allungato il passo in direzione dei 21.700/21.800 per poi ritracciare un centinaio di punti dai massimi nel finale.

Il doppio minimo in area 21.330 sta sostenendo l'ascesa dei corsi che, come già evidenziato nela rubrica di ieri, dovranno superare l'ostacolo dei 21.700/21.800 punti per poter approdare nuovamente sui massimi dell'anno segnati poco oltre i 22.000 punti.
Molto positivo sarà lo sfondamento di questa barriera, che in più di un'occasione ha frenato le velleità rialziste del mercato, visto che oltre i 22.000/22.050 punti il Ftse Mib avrà campo libero fino ai 22.400/22.500 punti.
La mancata riconquista di area 22.000 potrebbe favorire nuove incursioni ribassiste e indicazioni in tal senso si avranno con ritorni al di sotto dei 21.500 punti.

Oltre tale livello l'attenzione andrà rivolta ai 21.330 punti, la cui violazione porterà con buona probabilità ad un test di area 21.000. In caso di cedimento anche di questo sostegno il Ftse Mib accuserà ulteriori ribassisti verso l'importante supporto dei 20.550/20.500, su cui poggia il trend rialzista di breve.
Ci aspettiamo ancora ulteriori sviluppi positivi verso gli ostacoli segnalati prima, ma seguiremo con attenzione anche la tenuta dei supporti, quale condizioni essenziale per nuove salite.