Al rialzo registrato nella prima seduta di febbraio, ha fatto seguito quest'oggi un andamento incerto per le Borse europee, presentatesi al close precedute da segni diversi. Il Dax30 e il Cac40 sono scesi rispettivamente dello 0,04% e dello 0,38%, mentre il Ftse100 è salito dello 0,2%.

In positivo anche Piazza Affari dove il Ftse Mib ha terminato le contrattazioni a 19.605 punti, in rialzo dello 0,15%, dopo aver segnato nell'intraday un minimo a 19949 e un massimo a 19.660 punti.

Il Ftse Mib difende area 19.500: i possibili scenari ora

Dopo essere stato respinto dai recenti top in area 19.800/19.900, l'indice delle blue chips è sceso a testare nuovamente la soglia dei 19.500 punti che ha svolto egregiamente la sua funzione di supporto, favorendo un parziale recupero dai minimi di giornata.

Fino a quando l'indice riuscirà a mantenersi al di sopra di area 19.500, ci saranno le condizioni per assistere ad ulteriori tentativi rialzisti nel breve. L'area resistenziale da monitorare è quella dei 19.800/19.900, superata la quale il Ftse Mib approderà sulla soglia psicologica dei 20.000 punti.

Con lo sfondamento anche di questo ostacolo, proseguirà il recupero dei corsi in direzione prima dei 20.200/20.300 e in seguito verso l'area dei 20.500 che almeno in prima battuta potrebbe contenere le velleità rialziste del mercato.

Lo scenario cambierebbe in caso di flessioni al di sotto dei 19.500 punti, preludio dapprima ad un test dei minimi di venerdì scorso in area 19.350 e in seguito ad una prosecuzione delle vendite verso i 19.200 e i 19.000 punti.