Conclusione leggermente positiva oggi per le Borse europee che, malgrado non poche incertezze, sono riuscite a dare vita ad un timido recupero dopo le vendite delle ultime sessioni.
Il Ftse100 si è accontentato di un frazionale rialzo dello 0,06%, mentre il Dax30 e il Cac40 sono saliti rispettivamente dello 0,25% e dello 0,35%.

Il Ftse Mib reagisce dopo aver aggiornato i minimi dell'anno

Ad indossare la maglia rosa è stata Piazza Affari che ha visto il Ftse Mib terminare gli scambi a 20.062 punti, con un rialzo dell'1,06%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 20.137 e un minimo a 19.679 punti.

Quella odierna è stata una seduta molto volatile per l'indice delle blue chips che ha cambiato più volte direzione di marcia, prima di imboccare la via dei guadagni e terminare le contrattazioni in salita.

L'indice è sceso ad aggiornare i minimi dell'anno con una flessione poco sotto i 19.700 punti, avviando poi un netto recupero che lo ha portato a riconquistare la soglia dei 21.000 punti in chiusura di sessione.

Una conferma dei corsi al di sopra dell'area di prezzo appena segnalata favorirà ulteriori rimbalzi in direzione dei 20.200 punti prima e in seguito verso area 20.500. Se il Ftse Mib riuscirà ad avere ragione anche di questo ostacolo potrà ambire ad ulteriori apprezzamenti nel breve con step successivi a 20.700/20.800 punti prima e in seguito in area 21.000.

Ritorni al di sotto dei 20.000 punti manterranno un elevato livello di incertezza per il Ftse Mib che potrebbe tornare a mettere sotto pressione i minimi dell'anno in area 19.800/19.700 punti.

L'eventuale cedimento di questa soglia  favorirà con buona probabilità un'accelerazione ribassista verso i 19.500 punti in prima battuta e in seguito in direzione dei 19.200/19.200 punti, in corrispondenza dei quali si dovrebbe assistere ad un primo tentativo di recupero.