L'ultima seduta della settimana si è conclusa in rialzo per le Borse europee che, dopo aver rivisto il segno meno giovedì, sono tornate a recuperare terreno. Non ha partecipato al rimbalzo il Ftse100 che è sceso in controtendenza dello 0,06%, mentre il Cac40 e il Dax30 sono saliti rispettivamente dello 0,27% e dello 0,72%.

Ftse Mib: archiviata la peggiore settimana da inizio 2019

Chiusura positiva anche a Piazza Affari dove il Ftse Mib, dopo quattro sedute in calo, ha visto il segno più, fermandosi a quota 20.874 punti, con un progresso dello 0,28%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 21.050 e un minimo a 20.837 punti.

Decisamente pesante il bilancio settimanale visto che nelle ultime cinque sessioni l'indice delle blue chips ha lasciato sul parterre il 4,08% rispetto al close del venerdì precedente, lasciandosi alle spalle la peggiore ottava da inizio anno.

Dopo essere stato respinto dai massimi dell'anno toccati a ridosso dei 22.000 punti, il Ftse Mib è riuscito inizialmente a contenere la discesa al di sopra dei 21.600 punti.

In avvio di settimana però l'indice ha aperto le contrattazioni in gap-up, scendendo dapprima in direzione dei 21.250/21.200 e in seguito fino alla soglia dei 21.000 punti.

Quest'ultimo livello è stato violato nella sessione di giovedì, con una discesa fin poco sotto i 20.800 punti, soglia avvicinata anche nella giornata di ieri.