Interrotto il rialzo delle due sessioni precedenti con la chiusura negativa di ieri, le Borse europee hanno ritrovato subito la via dei guadagni, chiudendo gli scambi in salita. Il Ftse100 è rimasto al palo con un frazionale rialzo dello 0,03%, mentre il Cac40 e il Dax30 hanno guadagnato rispettivamente lo 0,59% e lo 0,98%.

Ftse Mib: prossima fermata in area 23.500

A fare meglio degli altri è stata Piazza Affari che ha visto il Ftse Mib terminare gli scambi a 23.304 punti, con un vantaggio dell'1,27%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 23.331 e un minimo a 23.006 punti.
Grazie alla tenuta di area 23.000, l'indice delle blue chips ha ritrovato subito la retta via, riuscendo a superare i massimi della vigilia in area 23.200 e ad allungare il passo verso area 23.300.

La buona reazione del mercato induce a confidare in ulteriori evoluzioni positive verso il raggiungimento di quei target che abbiamo già segnalato nelle ultime rubriche.
Ci riferiamo in primis all'area dei 23.500 punti, raggiunta la quale il Ftse Mib potrebbe anche concedersi una pausa prima di nuove salite. Oltre il livello appena segnalato ci sarà per una prosecuzione della fase ascendente in direzione del secondo target individuabile nell'area psicologica dei 24.000.

In caso di tenuta dei 23.500 punti l'indice potrebbe accusare delle fisiologiche prese di beneficio che troveranno un primo sostegno in area 23.200, precedente resistenza e ora supporto.
Al di sotto di tale soglia si guarderà ai 23.000/21.950 punti, violati i quali il Ftse Mib scivolerà ancora più in basso in direzione dei 22.800 punti prima e dei 22.500 in un secondo momento.