Immediato recupero per le Borse europee che dopo la battuta d'arresto di ieri hanno ripreso la via dei guadagni oggi, recuperando in parte le perdite della vigilia. Il Dax30 e il Ftse100 sono saliti rispettivamente dello 0,61% e dello 0,78%, preceduto dal Cac40 che ha indossato la maglia rosa con un progresso dello 0,97%.

In positivo anche Piazza Affari che però si è mostrata più cauta degli altri mercati, con il Ftse Mib fermatosi a 21.790 punti, in rialzo dello 0,38%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 21.836 e un minimo a 21.579 punti.
L'indice dopo una partenza poco sotto la parità ha cambiato direzione di marcia ed è sceso poco sotto i 21.600 punti, salvo poi risalire la china e spingersi nuovamente in direzione dei 21.700/21.800 punti.

Ftse Mib: timido recupero dopo il calo della vigilia

Solo con il superamento di questo livello si potrà assistere ad un nuovo test di area 22.000, superata la quale l'indice andrà a mettere sotto pressione la soglia dei 22.200 già avvicinata nella sessione di martedì.

In caso di sfondamento di quest'ultimo ostacolo il Ftse Mib potrà allungare il passo verso area 22.500, con eventuali estensioni rialziste fin verso i 22.700/22.800 punti.

Fino a quando le quotazioni si manterranno al di sotto dei 22.200/22.000 punti. sarà reale il rischio di assistere a nuove incursioni ribassiste che troveranno un primo sostegno in area 21.000.

Al di sotto di tale soglia la discesa proseguirà verso i 21.350/21.300 punti, ultimo baluardo da difendere prima di un ritorno sui minimi dell'anno in area 21.150/21.100, la cui tenuta sarà essenziale per evitare un peggioramento del quadro tecnico.