Chiusura frazionalmente positiva oggi per le Borse europee che, dopo le incertezze delle ultime due sessioni, anche oggi hanno mostrato un andamento debole, salvo poi risollevarsi nel finale e terminare gli scambi in lieve progresso.
Il Dax30 e il Ftse100 sono saliti rispettivamente dello 0,04% e dello 0,06%, preceduti dal Cac40 che si è apprezzato dello 0,08%.

Ftse Mib in lieve rialzo

In luce verde anche Piazza Affari che dopo essere rimasta più indietro delle altre ieri, è riuscita a fare leggermente meglio oggi.

Il Ftse Mib è stato fotografato al close a 23.928 punti, in rialzo dello 0,13%, dopo aver toccato nell'intraday un massimo a 23.947 e un minimo a 23.706 punti.

L'indice è sceso sotto i minimi di ieri, andando a testare il supporto di area 23.700, la cui tenuta ha favorito una buona reazione con un ritorno delle quotazioni nei pressi della soglia psicologica dei 24.000 punti.

Per poter assistere ad ulteriori sviluppi positivi nel breve sarà importante in primis la rottura di area 24.000, oltre cui il Ftse Mib allungherà il passo verso i 24.150/24.200 punti.

Al di sopra di tale ostacolo sarà più credibile un test dei massimi del 2018 in area 24.500/24.550 che almeno in prima battuta potrebbe anche frenare la spinta rialzista del mercato, vista l'importante resistenziale del livello in questione.

Se il Ftse Mib non riuscirà a riportarsi sopra quota 24.000, bisognerà monitorare in primis la soglia dei 23.800 punti e ancor più il sostegno di area 23.700.

Con il cedimento di quest'ultima infatti la discesa dell'indice proseguirà verso area 23.500, persa la quale l'attenzione andrà rivolta ai 23.250/23.200 punti.