Semaforo verde anche oggi per le Borse europee che dopo il recupero di ieri hanno continuato a spingersi in avanti oggi. E' rimasto sostanzialmente al palo solo il Dax30 con un frazionale rialzo dello 0,04%, mentre il Cac40 e il Ftse100 hanno guadagnato rispettivamente lo 0,5% e l'1,26%.

Anche Piazza Affari ha archiviato gli scambi in positivo, con il Ftse Mib fermatosi a 23.759 punti, in progresso dello 0,47%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 23.801 e un minimo a 23.605 punti.

Ftse Mib: cosa aspettarsi in prossimità dei massimi dell'anno?

Il Ftse Mib si conferma lungo il cammino rialzista e si avvicina progressivamente alla metà dei 24.000 punti. Come già indicato nelle rubriche degli ultimi giorni, i massimi dell'anno rappresentano l'ostacolo con il quale l'indice dovrebbe misurarsi a breve.
Non è facile pronosticare al momento una rottura di area 24.000, ma vista l'importanza resistenziale di questo livello saranno da mettere in conto delle prese di profitto al raggiungimento dello stesso.

Nel caso in cui però il Ftse Mib dovesse spingersi oltre i massimi dell'anno a quota 24.000, si apriranno scenari rialzisti interessanti, con primo target in area 24.500 e obiettivo successivo a ridosso dei 25.000 punti, da raggiungere ovviamente più in là nel tempo.
Con la tenuta di area 24.000 bisognerà rivolgere inevitabilmente lo sguardo ai supporti, il primo dei quali è individuabile proprio in area 23.800/23.700, mentre il successivo è a quota 23.500.

Eventuali ripiegamenti al di sotto di tale livello vedranno il Ftse Mib scivolare verso i 23.200 punti prima e in seguito in direzione della soglia psicologica di area 23.000, la cui tenuta dovrebbe favorire una ripresa degli acquisti.
Dal momento che l'indice è ormai vicino ad un importante livello tecnico, suggeriamo cautela nella gestione delle posizioni in essere, salvaguardando con adeguati stop loss i guadagni realizzati fino ad ora.