La serie negativa delle ultime sedute che aveva portato ad accumularne ben cinque di seguito, è stata interrotta oggi dalle Borse europee che hanno ricevuto una boccata d'ossigeno. Gli acquisti hanno dominato la scena per l'intera sessione, portando il Cac40 a terminare gli scambi in rialzo dell'1,03%, preceduto dal Ftse100 e dal Dax30 che si sono apprezzati rispettivamente dell'1,47% e dell'1,61%.

In luce verde anche Piazza Affari che ha visto il Ftse Mib terminare gli scambi a 18.731 punti, con un vantaggio dell'1,41%, dopo aver registrato nell'intraday un massimo a 18.784 e un minimo a 18.512 punti.

Ftse Mib: il rimbalzo troverà un seguito nelle prossime ore?

L'indice ha avviato gli scambi già in lieve rialzo e grazie alla riconquista diarea 18.500 ha allungato progressivamente il passo verso area 18.700/18.800, il primo ostacolo segnalato nella rubrica di ieri.
Il rimbalzo odierno non stupisce più di tanto visto che una reazione era in qualche modo prevedibile dopo cinque sedute tutte in flessione.

Con il recupero di oggi il Ftse Mib si è allontanato dai minimi dell'anno avvicinati ieri, ma questo non è ancora sufficiente a metterlo al sicuro da nuovi incursioni ribassiste.

Se gli spunti rialzisti della sessione odierna troveranno un seguito in quella di domani, ed è anche probabile che ciò accada, allora l'indice mettere sotto pressione area 18.800, superata la quale dovrebbe risultare agevole un approdo sulla soglia psicologica dei 19.000 punti.

Ulteriore forza del mercato porterà a sfondare questa barriera con primo step a 19.200 punti e target successivo sui recenti massimi di periodo in area 19.500/19.600.
Solo oltre questo livello il Ftse Mib darà vita ad un recupero più marcato verso i 20.000/20.200 punti, il raggiungimento dei quali però appare poco probabile almeno nell'immediato.