La scorsa settimana si è chiusa in bellezza per le Borse europee che, dopo la cautela mostrata nella sessione di giovedì, hanno imboccato tutte la via dei guadagni, terminando gli scambi in positivo. Il Ftse100 è salito dello 0,86%, ma è andata ancora meglio al Cac40 e al Dax30 che si sono apprezzati rispettivamente dell’1% e dell‘1,18%.

Ftse Mib lanciato verso l'alto

Ad indossare la maglia rosa è stata Piazza Affari che ha visto il Ftse Mib fermarsi a 23.176 punti, con un rialzo dell‘1,63%, dopo aver toccato un massimo a 23.203 e un minimo a 22.767 punti. Positivo anche il bilancio settimanale visto che nelle ultime cinque sedute l’indice delle blue chips ha messo a segno un progresso del 2,04% rispetto al close del venerdì precedente.
In apertura di ottava l’indice ha avvicinato la soglia dei 23.000 punti in corrispondenza della quale sono scattate le vendite che hanno riportato i corsi a ridosso di area 22.400. Da questo livello sono ripartiti gli acquisti e il Ftse Mib è riuscito così a violare la soglia dei 23.000 punti, arrivando a lambire l’obiettivo successivo dei 23.200 punti.
Lo storno registrato nelle sedute di martedì e mercoledì si è rivelato un’ottima occasione di acquisto, con il mercato che ha prontamente ripreso la via dei guadagni, confermando la sua ottima intonazione rialzista.
Le attese sono per una prosecuzione degli acquisti che, al superamento dei 23.200 punti, porteranno al test di area 23.500, in corrispondenza della quale si potrebbe anche assistere ad una pausa prima di ulteriori salite. Se invece il Ftse Mib avrà la forza di spingersi da subito oltre il livello appena segnalato, allora si metterà nel mirino la soglia psicologica dei 24.000 punti.