Positivo avvio di settimana per le Borse europee che dopo il segno più di venerdì scorso, anche oggi si sono fermate al di sopra della parità. Il Ftse100 si è accontentato di un frazionale rialzo dello 0,07%, mentre il Cac40 e il Dax30 sono saliti rispettivamente dello 0,31% e dello 0,42%.

La maglia rosa è stata indossata da Piazza Affari dove il Ftse Mib ha terminato le contrattazioni su nuovi massimi dell'anno a 20.436 punti, con un rialzo dello 0,86%, dopo aver segnato nell'intraday un top a 20.488 e un minimo a 20.403 punti.

Ftse Mib su nuovi top 2019: è tempo di una correzione?

L'indice delle blue chips ha avviato gli scambi in gap-up e si è mantenuto per l'intera seduta in territorio positivo, dopo aver tentato un allungo verso area 20.500 che al momento è stata solo avvicinata.

Il Ftse Mib conferma l'intonazione rialzista in atto ormai da inizio anno e almeno per il momento non sembra voler arrestare la sua ascesa. C'è da dire che ora le quotazioni dovranno confrontarsi con una resistenza di un certo rilievo, rappresentata dall'area dei 20.500 punti.

La tenuta di questo livello potrebbe favorire dei ripiegamenti fisiologici che troveranno un primo sostegno in area 20.200/20.150.

Con discese al di sotto di tale soglia il Ftse Mib testerà i 20.000 punti, la violazione dei quali costringerà a spostare lo sguardo su livelli più bassi. Il primo è quello dei 19.800/19.700 punti, ma ancor più rilevante sarà la difesa della fascia supportiva dei 19.650/19.500 punti, raggiunta la quale si potrebbe assistere ad una ripresa degli acquisti.