Ancora una chiusura con il segno più per le Borse europee che oggi però hanno vissuto una seduta senza infamia e senza lode. Il Ftse100 si è accontentato di un frazionale rialzo dello 0,03%, preceduto dal Dax30 e dal Cac40 che sono saliti rispettivamente dello 0,08% e dello 0,15%.

Ftse Mib pronto ad un nuovo test dei top dell'anno?

A salire sul podio è stata Piazza Affari che ha visto il Ftse Mib terminare le contrattazioni a 22.629 punti, con un vantaggio dell'1,12%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 22.650 e un minimo a 22.376 punti.
L'indice ha vissuto l'intera seduta in positivo e dopo aver riconquistato la soglia dei 22.500 punti, si è spinto ancora in avanti, fermandosi oltre quota 22.600.

Come anticipato ieri, la riconquista di area 22.500 ha portato nuovi acquisti e a questo punto diventa più probabile un ritorno dell'indice sui massimi dell'anno in area 22.800/22.850. Vista la buona reazione registrata in area 22.000, ci aspettano che i precedenti top siano anche superati, con primo approdo in area 23.000. La violazione di questa soglia psicologica spingerà ulteriormente in avanti il Ftse Mib verso i 23.200 prima e i 23.500 in un secondo momento.

Eventuali ritorni al di sotto dei 22.500 potrebbe indebolire la spinta rialzista del mercato, con il rischio di flessioni verso i 22.350 punti prima e i 22.200/22.150 in seguito, segnalando come step successivo la soglia psicologica dei 22.000 punti da cui è partito il rimbalzo in atto.
Ci aspettiamo una prosecuzione degli acquisti verso gli obiettivi segnalati prima, alla luce anche della buona impostazione degli indici americani da cui potrebbe arrivare un'ulteriore spinta al rialzo.