La chiusura negativa di ieri è stata seguita subito da un rimbalzo delle Borse europee, al quale però non ha partecipato il Ftse100 che è sceso in controtendenza dello 0,2%, mentre il Dax0 e il Cac40 sono saliti rispettivamente dello 0,25% e dello 0,29%.

Ancora una volta si è distinta Piazza Affari che dopo essere stata l'unica a salitre ieri, ha messo a segno la migliore performance oggi nel Vecchio Continente.

Il Ftse Mib ha terminato gli scambi su nuovi top dell'anno a 20.659 puni, con un vantaggio dello 0,78%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 20.683 e un minimo a 20.423 punti.

Ftse Mib sempre più in alto: prossima fermata in area 21.000?

L'indice delle blue chips ha guadagnato terreno per la quinta seduta consecutiva e dopo aver testato nelle due giornate precedenti l'ara dei 20.500 punti, è riuscito a violarla oggi, con un allungo in direzione di area 20.700.

L'impostazione si conferma nettamente rialzista e con il segnale di forza inviato alla rottura di area 20.500, il Ftse Mib sembra intenzionato a proseguire la sua marcia.

Il prossimo target sarà in area 20.800, ultimo ostacolo da abbattere prima di un approdo sulla soglia psicologica dei 21.000 punti.

In caso di superamento anche di questa barriera, l'indice potrà spingersi ancora in avanti verso i 21.200 punti prima e in seguito in direzione di area 21.500 nella migliore delle ipotesi.

Al ribasso ora il primo supporto è rappresentato dalla ex resistenza a 20.500, sotto cui l'indice potrebbe ripiegare verso in primis verso i 20.300 punti e in seguito in direzione dei 20.150, sotto cui sarà inevitabile un touch di area 20.000.