I cali delle ultime due sedute hanno lasciato spazio quest'oggi ad un rimbalzo delle Borse europee, rivelatosi per molto timido.

A scendere in controtendenza è stato il Ftse100 che ha ceduto lo 0,78% dopo essere stato l'unico a salire nelle due giornate precedenti, mentre il Cac40 e il Dax30 hanno guadagnato rispettivamente lo 0,14% e lo 0,34%.

Ftse Mib in recupero, ma il quadro tecnico non cambia

In luce verde anche Piazza Affari che ha mostrato più forza degli altri mercati, con il Ftse Mib fermatosi a 21.398 punti, in progresso dello 0,56%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 21.422 e un minimo a 21.265 punti.

Il recupero odierno non apporta alcuna modifica al quadro tecnico delineatosi nelle ultime sedute, visto che il rimbalzo è molto contenuto rispetto al terreno perso e non ha portato alla violazione di resistenze di rilievo.

C'è da dire che il Ftse Mib ha difeso per ora la soglia supportiva dei 21.200/21.250 punti, la tenuta della quale però non è sufficiente a garantire una ripresa più o meno duratura dei corsi.

Ricordiamo che nelle prossime ore Piazza Affari, al pari degli altri mercati, dovrà fare i conti con le indicazioni che arriveranno a breve dalla Fed e dalla conferenza stampa del presidente Powell.

Un primo segnale di ripresa per il Ftse Mib si avrà con un ritorno al di sopra dei 21.500 punti, ma sarà un superamento di area 21.700/21.800 a gettare le basi per un recupero più convincente.