Avvio di ottava in lieve progresso per le Borse europee che oggi hanno registrato movimenti piuttosto contenuti. Il Ftse100 si è fermato sui valori del close di venerdì scorso, mentre il Cac40 e il Dax30 sono saliti rispettivamente dello 0,11% e dello 0,17%.

Ftse Mib respinto da quota 22.000: quali scenari ora?

Non diversa la conclusione di Piazza Affari che dopo aver mostrato maggiore forza degli altri mercati, si è sostanzialmente allineata a questi ultimi in chiusura. Il Ftse Mib ha terminato le contrattazioni a 21.892 punti, in rialzo dello 0,16%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 22.004 e un minimo a 21.841 punti.

L'indice ha allungato ulteriormente il passo, spingendosi su livelli che non si vedevano dall'1 agosto scorso, ma la soglia psicologica e resistenziale dei 22.000 punti ha respinto per ora le quotazioni.

Una prosecuzione degli acquisti sarà possibile solo con il superamento deciso di questo ostacolo e oltre area 22.000 il Ftse Mib si muoverà dapprima in direzione dei 22.200 punti e in seguito verso l'area dei 22.500/22.600 punti, raggiunta la quale è prevedibile una nuova pausa prima di ulteriori spunti al rialzo.

La mancata violazione di area 22.000 potrà esporre il mercato al rischio di un'incursione da parte dei ribassisti.
Conferme in tal senso si avranno con discese al di sotto dei 21.800 punti, preludio ad un test di area 21.500 già raggiunta nelle scorse sedute.