Dopo una mattinata ondeggiante tra segno più e segno meno, Piazza Affari alle 16 registra un passivo, seppur parziale, dello 0,03% sullo sfondo di un'Europa che vede il Ftse 100 a +0,2%, il Dax e il Cac40 procedere all'unisono a +0,6%.

Il monito Bce

Lo spread Btp/Bund resta fermo a 235 punti base mentre ancora si pensa a quanto detto dal governatore della Bce Mario Draghi che ieri ha sottolineato come le parole, spesso cambiate, degli ultimi mesi abbiano rischiato di rovinare l'Italia; ad ogni modo, ha ricordato Draghi, è giunto il momento di guardare ai fatti e alla manovra che l'Italia porterà avanti. Intanto dopo che la banca centrale turca ha alzato il costo del denaro (dal 17,75% al 24%) ora il presidente turco, Tayyip Erdogan ha parlato di un odioso attacco economico da parte degli Usa e che sarebbe alla base del crollo della lira turca a -40% sul dollaro da inizio anno. Intanto il cambio euro/dollaro è sceso sotto 1,17 a 1,1695.

Tra Piazza Affari e Wall Street

Guardando a Piazza Affari , la triade dei migliori performer vedono al primo posto Saipem con un rialzo che sfiora il +4,5% grazie anche alla decisione degli analisti di Bernstein di porre come nuovo target price sul titolo la cifra di 10,20 euro mentre il rating è confermato come Outperform, una decisione che fa il paio con quella di Societe Generale di confermare il Buy con target price da 5,25 a 5,46 euro. Buone notizie anche per STM, aiutata dalla recente presentazione dei nuovi prodotti Apple: +2,25% per la società di semiconduttori. Sul fronte opposto, invece, quello dei titoli in rosso, c'è Recordati (-2%), Telecom Italia (-1,3%) penalizzata dalla possibilità che le nuove frequenze costino più di quanto inizialmente preventivato.