Come far crescere i propri soldi senza dover per forza rischiare investendo in azioni? Con il costo del denaro ai minimi storici il percorso per far rendere i propri risparmi è molto stretto tra i titoli di Stato, a partire dai BTP, i conti di deposito remunerati ed i prodotti di risparmio di Poste Italiane come i buoni fruttiferi.

Come far crescere i proprio risparmi, alla larga dal conto corrente

Nel fare una eventuale scelta tra buoni fruttiferi postali, titoli di Stato e conti di deposito remunerati, l'unica certezza, per chi vuol far crescere i propri soldi, è che lasciare il denaro fermo sul conto corrente è la scelta peggiore in quanto i soldi non rendono nulla e scontano l'erosione rappresentata dall'aumento del costo della vita.

Investire nei buoni fruttiferi postali, vantaggi e svantaggi

Per chi punta ad investire nei buoni fruttiferi postali, c'è da dire che questi possono rappresentare una buona alternativa ai titoli di Stato, ma per strappare buoni rendimenti annui occorre puntare sul medio e sul lungo termine. I rendimenti netti dei bfp di Poste Italiane sono infatti bassi all'inizio per poi tendere a crescere solo con il trascorrere del tempo.