Sui prestiti garantiti dallo Stato italiano, per fronteggiare la crisi da Covid-19, c'è grande incertezza al punto che, come riportato dal sito liberoquotidiano.it, in banca per la presentazione delle domande è emerso addirittura il rischio di vere e proprie rivolte da parte dei piccoli imprenditori.

I soldi per i prestiti 100% fino a 25.000 euro ci sono oppure no?

I soldi per questi prestiti ci sono oppure no? Al riguardo c'è chi parla di grande bluff in quanto in realtà la potenza di fuoco, per complessivi 400 miliardi di euro, sarebbe solo virtuale, solo sulla carta. Quel che è certo, in ogni caso, è che tantissime partite Iva e piccoli imprenditori presenteranno domanda per avere, fino ad un massimo pari a 25.000 euro, il prestito erogato dalle banche e garantito al 100% dallo Stato italiano.

Il decreto liquidità non deve essere disatteso

Il Governo italiano, considerando che ci sono famiglie letteralmente alla canna del gas, ed imprese chiuse per il lockdown, che rischiano di andare in fallimento, il decreto liquidità dell'8 aprile del 2020 è chiaro che non deve essere disatteso.

Al riguardo, non a caso, il sito liberoquotidiano.it pone l'accento sul fatto che, di questi tempi, se si promette qualcosa a chi sta sostanzialmente lottando tra la vita e la morte, è chiaro che poi gliela devi dare, gliela devi procurare.

Ripartire con la fase 2 indebitandosi, la rabbia delle PMI

Inoltre, come riportato nei giorni scorsi da IlSole24Ore, tra i piccoli imprenditori sui prestiti garantiti al 100% fino a 25.000 euro regna l'incertezza ed anche un po' di rabbia in quanto da parte delle banche non hanno ricevuto informazioni esaurienti. Non mancano inoltre le PMI arrabbiate sul fatto che per poter ripartire debbano comunque indebitarsi.