Per l'ex Segretario al Tesoro americano, Larry Summers, c'è una probabilità su due che gli Stati Uniti vadano incontro a una recessione da qui al 2020, e in questo scenario molto potrebbe dipendere dalle prossime decisioni di politica monetaria della Federal Reserve.



Recessione nel 2020: Summers fa testa o croce

L'economista di Harvard, che è stato a capo del principale dicastero economico americano durante l'Amministrazione di Bill Clinton, ha lanciato la sua previsione ieri nel corso di un'intervista rilasciata alla CNBC, precisando che se da un lato l'ipotesi di un rallentamento della crescita economica è una "quasi certezza", il rischio recessione è invece "circa del 50% per i prossimi due anni, forse un po' meno", ma comunque elevato dati i segnali arrivati dalle recenti perturbazioni sui mercati finanziari, le tensioni geopolitiche, e soprattutto i pericoli legati al percorso di stretta monetaria avviato dalla Federal Reserve.