Il reddito di cittadinanza è cumulabile, anzi sarà cumulabile con l'assegno unico universale previsto per le famiglie con figli in accordo con quanto è stato riportato dal Sole24Ore. Se infatti il reddito di cittadinanza è partito nel mese di marzo del 2019, e ad oggi è confermato pure per il prossimo anno, quella dell'assegno universale alle famiglie con figli è una misura la cui partenza è attesa solo nel 2021 come riporta, in questo caso, il sito insindacabili.it.

Reddito di cittadinanza e assegno unico figli sono cumulabili, focus sul Family act

Nel dettaglio, il reddito di cittadinanza sarà cumulabile con una misura che rientra nel cosiddetto Family act che è un disegno di legge delega che è basato su un pacchetto di misure a sostegno delle famiglie.

Assegno unico universale per le famiglie con figli, addio ad assegni familiari e detrazioni fiscali

In particolare, l'assegno unico alle famiglie sarà istituito attraverso un processo di riordino e di razionalizzazione dei fondi e dei sussidi previsti per la natalità. L'assegno, entrando in vigore, porterà infatti alla decadenza dell'erogazione degli assegni familiari e delle detrazioni fiscali per i figli a carico. E nello stesso tempo all'assegno universale unico per le famiglie con figli potranno accedere non solo i lavoratori dipendenti, ma pure gli autonomi.

Il sussidio per la natalità dal settimo mese di gravidanza con maggiorazioni per le famiglie numerose

L'assegno unico mensile potrà essere riconosciuto ancor prima della nascita, e precisamente a partire dal settimo mese di gravidanza e fino al compimento del 18esimo anno di età con maggiorazioni del sussidio che, inoltre, sono previste per le famiglie numerose, ed in particolare a partire dal terzo figlio. Per i figli che vanno all'università, inoltre, l'erogazione dell'assegno proseguirà fino all'età di 21 anni.