L'accesso al reddito di cittadinanza non sempre è compatibile con la fruizione di altri sussidi e, in generale, di altre forme di sostegno al reddito. Al riguardo, infatti, c'è da fare molta attenzione a dichiarare nella Dsu, ai fini del rilascio dell'Isee, tutti i redditi percepiti dal nucleo familiare altrimenti si rischia prima di prendere il reddito di cittadinanza e poi, al controllo, di doverlo restituire.

Quando il reddito complessivo è incompatibile con il reddito di cittadinanza

Per esempio, una donna separata che è disoccupata, e che non può lavorare perché si deve prendere cura dei figli, difficilmente può chiedere ed ottenere il reddito di cittadinanza se percepisce l'assegno mensile di mantenimento dall'ex coniuge, e se nel frattempo la donna si è risposata con un partner che lavora

In tal caso, come riportato dal sito notizieora.it in risposta ai dubbi di una lettrice, è molto probabile che ai fini Isee si superi la soglia di accesso al reddito di cittadinanza.

Requisiti reddito di cittadinanza, non basta che uno dei genitori sia disoccupato 

In pratica non basta che uno dei genitori sia disoccupato per poter sperare di avere i requisiti di accesso al reddito di cittadinanza. In tal caso, per la situazione sopra indicata, la via alternativa è infatti quella di accedere agli assegni familiari.

Nel dettaglio, gli assegni familiari nel caso specifico sarebbero incassati dall'ex marito che, pur tuttavia, avrebbe l'obbligo di andare a girare l'intera cifra alla moglie alla quale i figli sono stati affidati.

Il sito ufficiale dell'Rdc per le risposte ad ogni dubbio

Per chi non fosse a conoscenza di tutti i requisiti  necessari per accedere al reddito di cittadinanza, basta cliccare qui, ovverosia alla pagina web del sito Internet istituzionale.