Con l'attuale blocco delle attività produttive non essenziali, per il Governo italiano la parola d'ordine è quella di sostenere il reddito della famiglie. Al riguardo, già prima della drammatica pandemia di coronavirus, circa 2,5 milioni di persone erano coperte in Italia dal reddito di cittadinanza che ora, nonostante la fase 2 per il momento sia naufragata, è sempre più vitale per poter andare avanti. 

Sostegno al reddito delle famiglie con il blocco delle attività produttive non essenziali

Ma ora con il Covid-19 è arrivata pure la cassa integrazione per tutte le imprese, i buoni spesa che saranno distribuiti dai Comuni alle famiglie in difficoltà nell'acquisto di generi alimentari, e pure il bonus 600 euro per gli autonomi, per le partite Iva e per i lavoratori stagionali. Ma non tutte le misure, è giusto dire e ricordare, sono compatibili tra di loro nel senso che non si può prendere tutto

Reddito di cittadinanza ed il bonus 600 euro non vanno d'accordo

Per esempio, come peraltro riporta il sito ultimora.news, chi prende il reddito di cittadinanza, con accredito del sussidio su carta Postepay, non può prendere insieme l'indennità da 600 euro che, tra l'altro, dovrebbe essere innalzata per il mese di aprile a 800 euro unitamente ad una probabile estensione della durata della cassa integrazione per tutti che al momento è pari a 9 settimane.

Buoni spesa sono off-limits come il bonus autonomi per chi prende l'Rdc

Oltre che con il bonus 600 euro, inoltre, il reddito di cittadinanza è incompatibile pure con i buoni spesa. A riportarlo è il sito gazzettadelsud.it, il che significa che chi prende il sussidio non può accedere ai buoni spesa ed ai pacchi di cibo che saranno consegnati dai volontari ed anche da privati attraverso le donazioni.