I percettori di reddito di cittadinanza potranno tornare a lavorare senza perdere il sussidio in quanto per questo non ci sarà la decadenza, ma solo la sospensione

Emendamento M5S sul reddito di cittadinanza, approvato in commissione Bilancio Senato





Questa misura, in particolare, è stata approvata dalla commissione Bilancio del Senato, in accordo con quanto è stato riportato da GDS.it, dopo che in merito il MoVimento 5 Stelle ha presentato un emendamento che, peraltro, è stato riformulato

Pagamento sussidio sospeso, senza decadenza, se torni a lavorare: ecco quando

Già nelle scorse settimane, infatti, si era parlato della misura di sospensione e non di decadenza, per il reddito di cittadinanza, a patto però che il percettore del sussidio non torni a lavorare a tempo indeterminato, ma con contratti a tempo. Per la precisione, la sospensione dell'erogazione del sussidio, riporta IlCorriere.it, è valida se la durata del contratto breve non va a superare la fine dell'anno in corrispondenza del quale il lavoro stesso è iniziato.