Nello scorso mese di febbraio del 2020, e precisamente il giorno 27, non tutti i legittimi beneficiari hanno percepito il reddito di cittadinanza con il consueto accredito su carta Postepay. A riportarlo è il sito quifinanza.it nel precisare al riguardo che le sospensioni del sussidio sono scattate a causa del mancato aggiornamento dell'Indicatore della situazione economica equivalente (Isee) entro i termini previsti, ovverosia entro e non oltre la data del 31 gennaio del 2020.





Date pagamenti reddito di cittadinanza, nuova finestra ricariche per i ritardatari

La sospensione del reddito di cittadinanza non comporta chiaramente la decadenza o revoca del beneficio in quanto il sussidio può essere riattivato. Non a caso, per chi ha aggiornato l'Isee 2020 oltre i termini previsti, l'Inps ha fatto sapere che la mensilità di febbraio sarà accreditata su carta Postepay nel periodo che va dal 13 al 17 marzo del 2020