Nelle prossime ore, a milioni di partite Iva e liberi professionisti arriverà il bonus da 600 euro a titolo di indennità da lockdown per la pandemia di Covid-19. Dopodiché sarà il turno dei lavoratori in cassa integrazione, con il pagamento dell'integrazione salariale che fino a 1.400 euro sarà anticipata dalle banche, mentre per il reddito di cittadinanza, relativamente alla mensilità del mese di aprile del 2020, ci sarà ancora da attendere un po'.

Soldi del reddito di cittadinanza aprile del 2020, mensilità puntuale anche ai tempi del coronavirus

Anche ai tempi del coronavirus, infatti, la data di pagamento della mensilità del reddito di cittadinanza, con accredito/ricarica su carta Postepay, non cambia come peraltro è stato riportato dal sito lettoquotidiano.it. I soldi dell'Rdc, infatti, arriveranno il 27 aprile del 2020.

Come controllare la ricarica del reddito di cittadinanza senza recarsi al Postamat

Il 27 aprile, tra l'altro, cade di lunedì e quindi, per l'accredito del reddito di cittadinanza sulla carta Postepay, non dovrebbero esserci ritardi di erogazione per effetti di calendario. In ogni caso, considerando che le restrizioni per il coronavirus ad oggi sono state prorogate fino a 3 maggio del 2020, si consiglia di controllare la ricarica dell'Rdc evitando di recarsi presso gli sportelli ATM Postamat di Poste Italiane.

I siti Internet per controllare il saldo dell'Rdc, dal portale ufficiale a quello dell'Inps

In alternativa al Postamat, infatti, il controllo del saldo della carta del reddito di cittadinanza, muniti di SPID, può essere effettuato cliccando qui, ovverosia dal sito Internet ufficiale ed istituzionale. Oppure c'è il sito Internet dell'Inps, da questo link, muniti di SPID, con il codice PIN, con la carta CNS oppure con la nuova carta di identità elettronica 3.0.