Nel 2020 i percettori del reddito di cittadinanza potranno continuare ad incassare il sussidio mensile, con l'accredito regolare su carta Postepay del Gruppo Poste Italiane, se e solo se avranno aggiornato l'Isee. Al riguardo non dovrebbe esserci l'assalto a CAF in quando dal prossimo anno, salvo clamorosi rinvii, dovrebbe partire l'Isee online precompilato, ovverosia con i dati che saranno in parte precaricati da parte dell'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (INPS).

Rinnovo per il 2020 del reddito di cittadinanza, ci sono fino a 5 obblighi da rispettare

Pur tuttavia, in accordo con quanto è stato riportato dal sito insindacabili.it, quello dell'Isee 2020 aggiornato non è l'unico obbligo necessario per continuare a percepire il reddito di cittadinanza. Sono infatti fino a 5 gli obblighi da rispettare, dall'Isee aggiornato all'acquisizione delle credenziali per compilare via web i modelli, e passando per l'eventuale comunicazione dei redditi presunti, per la risposta alla chiamata dei Centri per l'Impiego, e per l'eventuale partecipazione ai progetti di utilità sociale che saranno attivati dal Comune di residenza.