Una delle trappole, legate alla richiesta ed all'erogazione del reddito di emergenza, è rappresentata dalle entrate familiari. Nel dettaglio, come per il reddito di cittadinanza pure per il reddito di emergenza c'è da rispettare una soglia di reddito ai fini Isee, che è pari a 15.000 mila euro, ma c'è pure un altro requisito sul reddito da rispettare in accordo con quanto, tra l'altro, ha messo in evidenza il sito notizieora.it.

Domanda reddito di emergenza, attenzione al paletto sul valore del reddito aprile 2020

Nel dettaglio, non basta il rispetto della soglia Isee per prendere il Rem in quanto, tra i paletti previsti, viene pure richiesto che il reddito mensile familiare del mese di aprile del 2020 sia stato inferiore all'importo da riconoscere attraverso il reddito di emergenza.

Rem fino a 840 euro mensili, ma solo con la Dsu valida

Se i due paletti sul reddito vengono rispettati, allora il nucleo familiare può passare alla valutazione dell'altro requisito richiesto per poter accedere al reddito di emergenza per un importo massimo mensile pari a 840 euro e non 800 euro come precisato nei giorni scorsi dall'Inps con una Circolare con la quale, tra l'altro, l'Istituto di previdenza ha ricordato che per l'accesso al Rem la Dichiarazione sostitutiva unica (Dsu) deve essere valida.

Il requisito sul patrimonio familiare per poter accedere al reddito di emergenza

In particolare, il terzo requisito di accesso al Rem è rappresentato dal patrimonio del nucleo familiare che deve essere inferiore a 10.000 euro e comunque innalzato fino al limite dei 20.000 euro in base alla composizione del nucleo familiare, e precisamente in ragione di 5 mila euro aggiuntivi per ogni componente aggiuntivo al richiedente il reddito di emergenza in accordo con quanto riporta altresì notizieora.it.