Mese ricco mi ci ficco. Ad agosto arriva il rimborso 730 sulla pensione: dopo aver accontentato i lavoratori, adesso è il turno dei pensionati. Rispettando le tabelle degli scorsi anni, nel corso del prossimo mese dovrebbero arrivare le prime somme del rimborso 730. O delle trattenute nel caso in cui fosse necessario effettuare il conguaglio dell'Irpef.

Maggiori informazioni, se si sia a credito o a debito, sono accessibili online accedendo al portale Inps con le proprie credenziali.

Rimborso 730 con la pensione di agosto

A comunicare la notizie è stata la stessa Inps, che ha anche spiegato che i pensionati potranno ritirare in anticipo la pensione di agosto presso gli uffici postali. Qualcuno può recarsi già dallo scorso 27 luglio, mentre gli altri - quelli che lo ricevono in banca -, dovranno aspettare il primo giorno bancabile del mese, ossia il 3 agosto.

La notizia più importante, comunque, è che negli assegni del mese di agosto ci sarà anche il rimborso 730, almeno per quanti abbiano presentato la dichiarazione dei redditi prima del 3 luglio 2020 ed, ovviamente, abbiano un credito Irpef da riscuotere. Ricordiamo che propprio quest'anno è partito un nuovo ruolino di marcia per la presentazione del Modello 730: la data di scadenza è il 30 settembre, mentre, fino allo scorso anno, era il 23 luglio.

Ovviamente il nuovo calendario di presentazione della dichiarazione dei redditi ha anche introdotto delle nuove tempistiche per il rimborso: le somme - e questo ragionamento vale sia per i lavoratori dipendenti che per i pensionati - potranno essere erogate a partire dal primo mese successivo a quello in cui il sostituto ha ricevuto il prospetto di liquidazione, ovvero il risultato contabile della dichiarazione.

Pensione e rimborso 730: i timori degli utenti!

Qualche pensionato, un po' malizioso, aveva iniziato a temere che ci potessero essere dei ritardi per il rimborso 730, ma per quanti l'abbiano già presentato, rispettando il nuovo calendario nulla è cambiato rispetto al passato.

Nella notizia pubblicata sul sito Inps il 27 luglio 2020 si legge: sul rateo di pensione di agosto si procede al rimborso dell’importo a credito del contribuente.

Potrebbe anche accadere, però, che dal modello 730 possa emergere un conguaglio a debito per il pensionato: questo accade perché le imposte pagate sono inferiori a quanto dovuto. L'Inps provvederà, quindi a trattenere la differenza dalla pensione di agosto, fino al saldo del debito. Ricordiamo che per i contribuenti c'è la possibilità di rateizzare gli importi a debito: l'importante che la somma dovuta al fisco sia saldata entro e non oltre il mese di novembre. Nel caso in cui, comunque, la dichiarazione dei redditi sia stata ricevuta dopo il mese di giugno, non sarà possibile garantire il numero scelto dal pensionato di rate.