Con 3,2 miliardi di euro stanziati in manovra, i lavoratori statali, con il rinnovo del contratto del pubblico impiego, potranno avvantaggiarsi in busta paga di un aumento della retribuzione lorda superiore ai 96 euro mensili. Questo è quanto, tra l'altro, ha dichiarato ed ha previsto Fabiana Dadone, Ministro della PA, in un'intervista che è stata rilasciata a 'Il Sole 24 Ore'.

Aumenti in busta paga per il pubblico impiego, sui numeri il condizionale è d'obbligo

Con questi numeri il Ministro ha messo in risalto come il recupero del potere d'acquisto sia superiore al livello dell'inflazione, ma bisognerà aspettare che per la manovra si completi l'iter parlamentare visto che la finanziaria del Governo giallorosso è stata varata salvo intese.

Incremento retribuzioni più alto rispetto al contratto statali 2016-2018

Il Governo attuale, per il contratto statali 2019-2021, ha comunque alzato la posta visto che il precedente, quello 2016-2018, era stato approvato con un aumento medio in busta paga pari a 85 euro lordi mensili. Resta da vedere ora se i Sindacati saranno soddisfatti o se chiederanno di più.