A Piazza Affari la seduta odierna vede un andamento positivo dei titoli del risparmio gestito, con Azimut e FinecoBank in ascesa dello 0,57% e delo 0,44%, ma riescono a fare ancora meglio i titoli al di fuori del Ftse Mib.

Banca Mediolanum guadagna lo 0,9%, preceduto da Banca Generali e da Anima Holding che si apprezzano rispettivamente dell'1,29% e dell'1,32%. 

Nelle ultime giornate i titoli del risparmio gestito hanno catalizzato l'attenzione degli investitori e del mercato, dopo la diffusione dei dati relativi alla raccolta di giugno.

Azimut: la view dei broker dopo la raccolta di giugno

Non più tardi di due giorni fa Azimut ha diffuso le indicazioni relative allo scorso mese che hanno mostrato una raccolta positiva per circa 702 milioni di euro, con un saldo da inizio anno di quasi 2,7 miliardi di euro.

Sui dati di giugno ha influito il perfezionamento dell'acquisto di Rasmala Egypt Asset Management, al netto del quale il dato sarebbe stato positivo per circa 340 milioni di euro.

Gli analisti di Equita SIM ricordano che le indicazioni sulla raccolta del mese scorso erano state già anticipate a inizio luglio dal presidente Giuliani in occasione di una conferenza stampa.

La raccolta di giugno è leggermente superiore alle attese degli analisti che mantengono una view cauta su Azimut, con una raccomandazione "hold" e un prezzo obiettivo a 18,4 euro.

A puntare sul titolo è invece Banca Akros che nei giorni scorsi ha rinnovato l'invito ad accumularlo in portafoglio, con un target price a 18,5 euro.

Per gli analisti la raccolta di giugno è stata appena superiore alle loro stime, mentre relativamente ad un eventuale interesse di Azimut per Banca Generali, gli esperti non credono che quest'ultima sia in vendita e in ogni caso sarebbe troppo grande per il gruppo guidato da Giuliani.