Lo stesso rating "hold" di Equita viene reiterato da Kepler Cheuvreux, con un prezzo obiettivo a 9,8 euro.
Il broker ha accolto con favore i dati sulla raccolta di giugno, spiegando che gli stessi rendono molto fattibili le loro stime sull'intero anno, pari a 5 miliardi di euro.

Banca Mediolanum: quali strategie adottare ora?

Passando ai titoli a minore capitalizzazione, Banca Mediolanum a giugno ha riportato un raccolta netta pari a 292 milioni di euro, con un saldo da inizio anno di 2,035 miliardi.
Il solo dato riferito al risparmio gestito è positivo per 262 milioni di euro a giugno e per 1,427 miliardi da inizio 2019.

Per Equita SIM la raccolta del mese scorso è stata positiva e leggermente superiore alle sue stime.
Gli analisti evidenziano che a differenza di quanto osservato a maggio, il mix a giugno è più spostato verso la raccolta gestita rispetto a quella amministrata, riflettendo un più favorevole contesto di mercato.

Questo tuttavia non induce Equita SIM a cambiare idea su Banca Mediolanum, coperto con una raccomandazione "hold" e un target price a 6,4 euro.

Anima Holding è un buy per diverse banche d'affari

Buone notizie invece per Anima Holding che raccoglie consensi dopo la raccolta di giugno, positiva per circa 141 milioni di euro, con un saldo da inizio anno negativo invece per circa 514 milioni di euro.

A fine giugno le masse complessive del gruppo ammontano a oltre 180 miliardi di euro, grazie anche ad una performance ponderata netta positiva dei fondi comuni, con un rialzo del 5% da inizio anno.

Equita SIM ha definito migliori delle stime non solo il dato sulla raccolta di giugno, ma anche quello riferito alle masse complessive di Anima Holding, su cui viene confermato un rating "buy", con un fair value a 4,9 euro.