Ancora una seduta tutta in discesa per Saipem che, dopo aver ceduto oltre due punti percentuali ieri, continua ad arretrare, in un mercato in cui le vendite hanno la meglio su gran parte delle blue chips.

Saipem ancora in calo dopo il ribasso della vigilia

Il titolo, dopo aver avviato gli scambi al di sopra della parità, è tornato subito sui suoi passi e ha accelerato progressivamente al ribasso.

Negli ultimi minuti Saipem viene fotografato a 2,139 euro, con un ribasso dell'1,29% e oltre 3,4 milioni di azioni transitate sul mercato fino ad ora, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 12 milioni di pezzi.

Il titolo perde terreno sulla scia della negativa intonazione del mercato e non trova certo sostegno nell'andamento debole del petrolio che negli ultimi minuti viene fotografato a 41,45 dollari, con una flessione dello 0,36%.

Saipem: domani i conti del 2° trimestre. Cosa prevede il consensus

A mantenere alta l'attenzione su Saipem contribuisce anche l'attesa per l'appuntamento di domani quanto il gruppo presenterà i risultati del secondo trimestre prima dell'apertura di Piazza Affari.

Secondo il consensus elaborato da Bloomberg per il periodo in questione, il gruppo dovrebbe riportare un fatturato pari a 2,054 milioni di euro, in flessione del 13%, complice la frenata delle attività in conseguenza del coronavirus.

Saipem dovrebbe archiviare il secondo trimestre con una perdita netta di 12 milioni di euro, in netto peggioramento rispetto all'utile netto adjusted di 31 milioni dello stesso periodo del 2019.

Cattive notizie anche per l'Ebitda che dovrebbe accusare una contrazione del 42% a 193 milioni di euro, mentre il debito netto è visto a 1,32 miliardi di euro.

Saipem: Equita e Fidentiis cauti prima dei conti

In attesa dei dati ufficiali del gruppo, gli analisti di Equita SIM mantengono una view cauta, ribadendo la raccomandazione "hold", con un prezzo obiettivo a 3,1 euro.

Lo stesso rating viene reiterato da Fidentiis, con un range di valutazione compreso tra 2 e 2,2 euro.

Le previsioni sui conti del secondo trimestre di Saipem sono improntate ad un maggiore pessimismo rispetto al consensus con riferimento ai ricavi, visto che Fidentiis si aspetta un calo degli stessi del 15% a 2,02 miliardi.

Più ottimismo invece per l'Ebitda che gli analisti vedono in contrazione del 39% a 203 milioni, rispetto ai 193 milioni del consensus.

La perdita netta prevista per Saipem è invece pari a 31 milioni di euro, con un calo degli ordini del 52%.

In generale Fidentiis vede un rallentamento delle attività del gruppo per via del coronavirus, del taglio degli investimenti delle compagnie oil e della caduta rovinosa accusata dal petrolio.

Saipem: Bca Akros è bullish, ma i conti saranno negativi

A mantenere una view bullish su Saipem è invece Banca Akros che oggi ha rinnovato l'invito ad acquistare, con un rating "buy" e un target price a 3,7 euro.

Anche in questo caso gli analisti si aspettano ricadute negative sui conti trimestrali di Saipem, con riferimento agli utili e ai ricavi, per via della pandemia Covid-19.

Saipem: Intesa Sanpaolo dice buy

Infine, a scommettere sul titolo sono anche i colleghi di Intesa Sanpaolo che hanno una raccomandazione "buy", con un fair value a 3,4 euro.

In linea con il consensus, gli analisti si aspettano una flessione dei ricavi per Saipem nel secondo trimestre.

Al contempo gli esperti richiamano l'attenzione sulla solidità del portafoglio del gruppo, convinti che i conti di domani non avranno ricadute immediate sull'andamento di Saipem a Piazza Affari.