Pronto rimbalzo dopo il pesante tonfo della vigilia per Saipem, oggi spinto a Piazza Affari da una nuova previsione particolarmente bullish sul prezzo dell'azione fornita dagli analisti di Bernstein.

La giornata di Saipem 

Il titolo della società di servizi per l'Oil & Gas, ieri protagonista della peggiore performance del Ftse Mib con un ribasso del 5,01%, ha viceversa conquistato oggi fin da subito una delle prime posizioni del listinocatalizzando forti acquisti già in fase di apertura del mercato: dopo essersi spinto nella prima fase di contrattazioni fino a un massimo intraday di 4,691 euro, Saipem si attesta negli ultimi minuti a quota 4,63, in rialzo del 2,64% e con circa 4,3 milioni di azioni transitate sul mercato, circa la metà metà dei volumi medi di scambio degli ultimi tre mesi (8,6 milioni). 

Il giudizio di Bernstein

A far tornare il sereno sul titolo, ieri penalizzato dall'annuncio sulle dimissioni del suo Chief Financial and Strategy Officer, Giulio Bozzini, ha fornito un contributo decisivo questa mattina la decisione degli analisti di Bernstein di fissare sul titolo un nuovo prezzo obiettivo a 10,20 euro (da una precedente stima di 6,6 euro), che se raggiunto implicherebbe un rialzo di quasi il 120% dalla quotazione attuale.