Ennesimo scandalo per il Pd, ma stavolta riguarda anche il Movimento 5 Stelle.

Il Corriere dell’Umbria ha pubblicato stamani documenti dai quali risulterebbe che più dell’80% dei fondi destinati alla ricostruzione post terremoto del 2016 a Norcia siano finiti proprio agli alberghi ed altre società di Vincenzo Bianconi, il candidato della coalizione formata da Movimento 5 Stelle e PD alle prossime elezioni regionali in Umbria.

Trovare un candidato, per la bizzarra coalizione M5S-PD, non era stato facile, impresentabili tutti i politici a Di Maio e Zingaretti non è rimasto che rivolgersi alla cosiddetta società civile.

E qualche giorno fa è stata trovata la quadra: Vincenzo Bianconi, Presidente di Federalberghi Umbria.

Bianconi si era presentato come un neofita della politica che aveva accettato la proposta arrivata dai due partiti che compongono la compagine governativa. Tra l’altro aveva testualmente dichiarato:

Ogni giorno con la schiena dritta, con determinazione e passione, cerco di migliorare le cose che mi circondano. Non mi sono mai tirato indietro dinnanzi alle sfide che la vita mi ha posto. Ed è per questo che ho deciso di accogliere l’invito a candidarmi a Presidente della Regione Umbria, invito che tante forze civiche, associative e politiche mi hanno rivolto.

Pur non conoscendolo vogliamo dare credito a Bianconi, gli riconosciamo quindi “la schiena dritta”, ma dobbiamo riconoscergli anche una bella dose di fortuna dato che per la ricostruzione, dallo Stato, ossia soldi pubblici, sono arrivati alle sue attività alberghiere 6 milioni di euro, ben l’80% di quanto è stato finora stanziato per il post terremoto a Norcia.