Tutti i principali produttori di auto, in prevalenza attraverso le proprie divisioni a stelle e strisce, hanno aderito negli Usa ad un accordo per la sicurezza che, tra l'altro, permetterà di ridurre quanto più possibile le campagne di richiamo

Settore auto, accordo storico sulla sicurezza

L'annuncio è stato dato dal segretario americano dei Trasporti Anthony Foxx, ex sindaco di Charlotte, precisando che l'accordo sulla sicurezza, definito 'storico', è stato siglato da ben 18 produttori di auto. Tra questi c'è pure Fca Us, la divisione a stelle e strisce di Fiat Chrysler Automobiles che ha aderito insieme a società concorrenti come Ford Motor, Volkswagen Group of America, BMW of North America, Subaru of America, American Honda Motor Company, Porsche Cars North America, Mazda North American Operations, Mitsubishi Motors North America, General Motors, Volvo Cars Usa. Ed ancora Jaguar Land Rover North America, Tesla Motors, Mercedes-Benz USA, Hyundai Motor America, Nissan North America, Toyota Motor North America e Kia Motors America

Anthony Foxx, 'approccio nuovo, proattivo e collaborativo per la sicurezza'

Quello che è un 'approccio nuovo, proattivo e collaborativo per la sicurezza', secondo il segretario Usa ai Trasporti, andrà ad interessare pure l'aspetto legato agli attacchi dei pirati informatici che rappresentano sempre di più una minaccia anche per il settore dell'auto. I termini dell'accordo sono contenuti nel 'Proactive Safety Principles 2016', un documento di quattro pagine che è già disponibile online sul sito Internet della Nhtsa - National Highway Traffic Safety Administration, che è l'ente per la sicurezza stradale facente parte del dipartimento Usa dei Trasporti