Shopify sta silenziosamente conquistando il mercato dell'e-commerce. Questo perché permette a chiunque di accedere ai guadagni online. Non si richiedono capacità tecniche ne capitali da investire, basta buona volontà e spirito di iniziativa. Sarà sufficiente leggere questo articolo per scoprire come dar vita ad una fiorente attività di dropshipping e guadagnare.

Vediamo allora di entrare nel merito della terminologia di riferimento. Scopriremo cos'è il dropshipping e perché risulta essere uno dei settori più sfruttati negli U.S.A. e in continua crescita in Italia. Inoltre cercheremo di analizzare tutte le nozione necessarie per poter dar vita ad un'attività redditizia e di successo.

Shopify: cos'è è come si gudagna

Shopify è una piattaforma per e-commerce "tutto in uno" che permette a chiunque di accedere a questo mondo in pochissimo tempo senza necessariamente avere competenze tecniche specifiche. Oltre 1.000.000 di utenti la utilizzano attivamente per vendere in Italia o all'estero prodotti che, attenzione! attenzione!, non devono essere necessariamente pre-acquistati. Questa è in sostanza l'anima del dropshipping e shopify è il mezzo più semplice per attuarlo.

Si tratta di una vetrina online, che può essere personalizzata al massimo, dal colore, al testo. Si possono inserire immagini e descrizioni, video e recensioni. Insomma un vero e proprio e-commerce che ha, però, il vantaggio di appoggiarsi su una piattaforma già esistente che mette a disposizione di tutti gli strumenti e le interfacce necessarie per realizzare un vero e proprio negozio online senza ricorrere a CSM più complicati come Wordpress, ma ottenendo ugualmente grandi risultati.

Shopify non è ovviamente l'unica piattaforma ad offrire questo servizio, ma allora perché è la più richiesta? Semplicemente perché è facile da utilizzare, ha un'assistenza dedicata attiva 24h/24 e non richiede capacità informatiche. Nessun'altra piattaforma offre tutto questo insieme.

Grazie al suo esteso utilizzo i programmatori di Shopify sono riusciti a semplificare le operazioni di accesso e di gestione in modo altamente intuitivo e facilitato. Per ogni passaggio sarà il sistema stesso ad indirizzare l'utente verso le scelte necessarie e consigliate. L'intero lavoro di creazione, dal caricamento dei prodotti fino al pagamento, viene spiegato e facilitato. In poche parole è impossibile sbagliare.

Come funziona Shopify

Ora che abbiamo capito cos'è cerchiamo di vedere nel dettaglio come funziona Shopify. 

La prima cosa da dire è che questa piattaforma offre una prova gratuita di 14 giorni. In questo periodo potrete prendere dimestichezza con il sistema e capire come muoversi.

Per iniziare basterà accedere al link di registrazione per la prova gratuita, non vi sarà richiesta nessuna carta di credito. Dopo aver inserito la vostra e-mail e scelto una password, verrà richiesto di scegliere il nome del negozio virtuale. Questa scelta potrà essere anche modificata successivamente.

E' già attivo il negozio online! Ora si dovranno inserire un po' di informazioni per permettere al sistema di configurare al meglio la nuova vetrina online. Le informazioni richieste sono puramente informative, come se vendete già online o avete un negozio fisico. Inoltre verranno richiesti i dati fiscali e bancari più la partita IVA per ricevere i pagamenti.

Fin quando il negozio non sarà online è protetto dalla password che è stata inserita in fase iniziale, questo per non mandare in visione un lavoro ancora in corso. Non appena avrete configurato tutto, potrete togliere la password e chiunque avrà accesso al vostro e-commerce.

Dal menù a sinistra cliccando su "negozio online" è possibile scegliere i temi grafici, ce ne sono a disposizione oltre 100. Una volta definita la veste grafica potete iniziare ad aggiungere i prodotti. Anche questo passaggio è estremamente semplificato, ci sarà un pulsante "aggiungi prodotti" e cliccandolo si aprirà lo scenario già impostato e basterà solamente compilare a nostro piacere con testo ed immagini. In ogni momento c'è la possibilità di vedere come il nostro lavoro sarà visualizzato dagli utenti.

Questa è la parte più importante, perché serve a creare un vero e proprio catalogo dei prodotti. Richiede solo un po' di tempo per caricare e descrivere i prodotti ma la piattaforma rende ogni passaggio estremamente intuitivo.

Seguendo il menù a sinistra riusciremo a creare lo shop esattamente come lo vogliamo, personalizzato al 100%. Completati tutti i passaggi avremo un vero shop online pronto per essere lanciato nel web.

Dropshipping su Shopify

Il dropshipping è la vendita online senza avere un magazzino e senza, quindi, acquistare i prodotti in anticipo. In oltre con questo metodo non si dovranno gestire né gli ordini né le spedizioni. Vediamo come fare.

La cosa più importante è selezionare uno o più fornitori, detti dropshipper. Ce ne sono ormai migliaia che offrono i loro prodotti a chi vuole fare dropshipping. Basterà avere cura di selezionare i più seri e conosciuti. Nel campo alimentare, ad esempio anche De Cecco ha deciso di affiancare questo metodo di vendita.

Una volta selezionato il dropshipper questo ti fornirà cataloghi, foto e schede dei suoi prodotti che andranno caricati sul negozio online creato su Shopify.

Quando si riceverà un ordine da un cliente, utilizzando Shopify ed avendo impostato nella sezione "fornitore" i dati corretti, la piattaforma comunicherà automaticamente al fornitore la richiesta con indirizzo di spedizione e dati del cliente. A questo punto sarà il dropshipper a preparare e spedire il prodotto ma il pagamento verrà effettuato a te.

I vantaggi del dropshipping? Non dover avere un magazzino fisico con tutti i costi di mantenimento e di riassortimento che ne comporta. La preparazione e la spedizione degli ordini è a carico del fornitore. Puoi gestire il tuo e-commerce da ogni luogo e in ogni momento. La gestione da uno a migliaia di prodotti e contattare più fornitori.

L'unico svantaggio è, se così vogliamo vederlo, cercare un fornitore competitivo ed affidabile. Ma con l'ampia ascesa di questo modello anche i fornitori stanno aumentando.

I costi di Shopify

Abbiamo visto che inizialmente viene offerto un periodo di prova gratuito. Ma successivamente quanto costa Shopify?

La tariffa Base è di $ 29.00 al mese. Per un approccio iniziale è più che sufficiente in quanto offre praticamente tutto ciò che serve, assistenza compresa. La tariffa media invece è di $ 79.00 e l'advanced è di $ 299,00, decisamente sconsigliata se non si è un'azienda molto grande.

Queste tariffe sono adatte a grandi catene che hanno l'esigenza di gestire più account contemporaneamente e di ricevere report di vendita mensili. Infatti la differenza tra una tariffa ed un'altra risiede essenzialmente nel  numero di persone che possono gestire lo shop e i report.

La tariffa base da $ 29.00 al mese offre: prodotti illimitati, 2 account per la gestione dello shop; assistenza 24h/7; canali di vendita social; recupero carrelli abbandonati; creazione buoni sconto e regalo; certificato SSL.

Shopify opinioni a confronto

Shopify nasce nel 2006, è un'azienda canadese che ha raggiunto nel 2019 un fatturato di 1,58 miliardi di dollari. Valutazione in borsa sopra i 40 miliardi di dollari, oltre 4 mila dipendenti e ha all'attivo oltre 1 milione di utilizzatori e se si considera che non offre pacchetti gratuiti, è facile capire quanto sia realmente efficace come piattaforma. Non a caso è considerata la top performance nel mondo dell'e-commerce.

Ma non tutti la ritengono all'altezza delle aspettative. I pareri negativi ruotano principalmente sulle commissioni sulle vendite. Infatti vengono trattenute su ogni vendita delle percentuali che vanno dall'1% al 2%, a seconda della tariffa scelta. Altro appunto è nell'impossibilità di gestire uno shop multilingue. Ovvero si possono creare contenuti in una sola lingua. Questo potrebbe precludere l'attività di vendita contemporanea in più paesi.

A favore invece la possibilità di ampliare all'infinito il proprio catalogo senza dover cambiare tariffa. La facilità di accesso e creazione di ogni contenuto. L'interscambiabilità con App e sistemi esterni come Wordpress. Inoltre, aspetto da non sottovalutare, la piattaforma offre una notevole quantità di temi per definire il design che più si accosta ai tuoi prodotti.

A ben vedere se non si è proiettati verso il mercato globale e non si ha dimestichezza con l'e-commerce Shopify offre una soluzione effettivamente vantaggiosa per dar vita ad un e-commerce partendo da zero!

Shopify Vs Amazon

In molti ritengono Shopify il principale antagonista del colosso per eccellenza dell'e-commerce: Amazon. Allo stato attuale sembrerebbe una comparazione assurda, in quanto le due realtà operano in settori differenti. Mentre Shopify agisce dietro le quinte, fornendo gli strumenti e l'operatività al venditore per improntare un e-commerce personale. Amazon lavora in primo piano, a volte anche brandizzando i prodotti e lavorando con una logistica propria.

E' vero sicuramente che se si vuole approcciare al mondo e-commerce come prima esperienza, o si vende su Amazon o ci si rivolge a Shopify. Le scelte non sono paritetiche ma hanno delle peculiarità in comune. Devono averlo notato anche in Canada, perché è voce ricorrente che Shopify stia valutando un investimento di ben 1 miliardo di dollari per sviluppare una logistica propria.

La differenza è che Amazon nella logistica investe annualmente 60 miliardi… oltre al patrimonio di strutture, persone e conoscenza infinito. Sembra pertanto difficile che nel breve periodo possa registrarsi il sorpasso.

La forza di Shopify è nella competenza tecnologica, 1/4 dei dipendenti sono ingegneri e questo ha portato notevoli risultati di usabilità. Inoltre con Shopify, a differenza di Amazon, si ha un rapporto diretto con il cliente. Mentre Amazon è sempre presente come intermediario e questo penalizza anche il proprio brand che verrà messo in ombra da quello del colosso, in Shopify è possibile intraprendere un feedback diretto con l'acquirente.