Con la fase 2 il Governo italiano ha allentato il lockdown, dal prossimo 4 maggio del 2020, ma è confermato, tra l'altro, l'obbligo di distanziamento sociale. E se per proteggerci uscendo di casa dovremo utilizzare le mascherine, non bisogna dimenticare, con la fase 2, di continuare a proteggere anche il proprio denaro.

Soldi fase 2 coronavirus, il nostro denaro sarà sorvegliato a vista dal Fisco?

Con l'Italia alle prese con la ricostruzione post coronavirus, infatti, il Governo potrebbe inasprire la lotta all'evasione con la conseguenza che, riporta il sito notizieora.it, il Fisco non solo potrebbe controllare i nostri soldi, ma potrebbe addirittura piantonarli in tutto e per tutto, sorvegliarli a vista.

Controlli fiscali a tappeto dopo il lockdown con l'anonimetro?

Al riguardo c'è da dire che una delle armi a disposizione del Fisco, per stanare chi evade le tasse, è l'evasometro anonimizzato che è detto anche anonimetro, e che permette di rilevare le anomalie tra il reddito dichiarato ed il reale stile di vita.

E questo, in particolare, andando ad incrociare le spese del contribuente con i movimenti e con le giacenze sui conti correnti. Con il Fisco fermo per il lockdown è chiaro che anche l'evasometro anonimizzato è stato messo in ghiaccio, ma potrebbe non essere così al termine della temporanea moratoria sul pagamento delle tasse a causa della pandemia da Covid-19.

Gli obiettivi antievasione del Governo italiano

Con l'anomimetro, e non solo, in pratica il Governo italiano punta a combattere l'evasione fiscale dotando l'Agenzia delle Entrate di strumenti tecnologici sofisticati e all'avanguardia. In questo modo, sottolinea altresì notizieora.it, non solo l'evasore viene stanato, ma si riesce pure a risalire a dove ha conservato e/o speso il denaro.