L'Italia è attualmente in guerra contro il coronavirus, ma anche in tanti altri Paesi del mondo quella che ormai l'OMS ha definito come pandemia rischia di mandare l'economia globale in recessione. La conferma in merito arriva dai mercati azionari che alternano crolli pesanti a rimbalzi isterici in quanto è difficile stimare con certezza l'impatto negativo della pandemia nei prossimi mesi.

Scenario di crisi anche per il denaro liquido, stare fermi o investire?

Lo scenario di crisi, dal fronte prettamente finanziario, va inoltre ad interessare pure i soldi in banca a partire dalle posizioni liquide. Queste, in particolare, vanno mantenute oppure è meglio investire ora a prezzi più bassi con un'ottica di medio e di lungo termine?

Soldi in banca o sotto il materasso, conviene l'usanza della nonna ai tempi del coronavirus?

Al riguardo il sito notizieora.it fa presente che tenersi liquidi, mantenendo i soldi presso una banca solida, è da preferire rispetto a tornare a mettere i soldi sotto il materasso. Il troppo contante in casa, seguendo l'usanza della nonna, potrebbe infatti portare alla lunga ad avere problemi con il Fisco. Così come la presenza di troppo contante in un'abitazione espone il possessore del denaro al rischio di furto.

Denaro fermo sul conto corrente perde comunque valore, ecco perché

Al netto delle spese di tenuta del conto corrente, tenere i soldi fermi in banca significa fruire della massima protezione del capitale dalla volatilità alla quale, invece, si è esposti per esempio investendo in azioni. Pur tuttavia, nel tempo il denaro fermo sul conto corrente perde comunque valore in quanto è soggetto, anche se lentamente, agli effetti negativi ed erosivi dati dall'inflazione, ovverosia dall'aumento del costo della vita.