Quando si parla di tasse non pagate, e quindi di debiti fiscali da onorare, si pensa subito all'Agenzia delle Entrate-Riscossione ed alle cartelle esattoriali. Ma in realtà i debiti si possono avere pure con tanti altri soggetti istituzionali a partire dall'Inps e passando per i Comuni, le Regioni. le Province, e fino ad arrivare ai Ministeri, alla Prefetture ed alla Polizia Stradale in accordo con quanto è stato riportato dal sito laleggepertutti.it.

Come può scoprire un cittadino se ha tasse non pagate? 

E tra dimenticanze, e cartelle non notificate, come può scoprire un cittadino se ha tasse non pagate? In altre parole, come si fa a sapere se si è in debito con lo Stato italiano? Al riguardo il sito laleggepertutti.it fa presente che per tracciare i debiti fiscali, se ci sono, in teoria bisognerebbe chiedere un estratto della propria posizione debitoria ad oggi soggetto, dalla Regione all'Inps e passando per il Comune.

L'estratto di ruolo dell'Agenzia delle Entrate-Riscossione

Pur tuttavia, se è passato tanto tempo dal debito fiscale non saldato, allora è alta la probabilità che questo sia stato iscritto a ruolo, ed in tal caso basterà chiedere il cosiddetto estratto di ruolo direttamente all'Agenzia delle Entrate-Riscossione.

Cartelle esattoriali senza segreti, dalle somme da pagare all'eventuale prescrizione

Nel dettaglio, l'estratto di ruolo è un documento completo e riepilogativo nel quale, tra l'altro, viene indicato il numero complessivo delle cartelle esattoriali notificate, le somme da pagare per ogni singola cartella esattoriale con data di notifica e con la data in corrispondenza della quale il ruolo è stato dichiarato esecutivo.

Quest'ultima informazione, ovverosia quella relativa alla data in corrispondenza della quale il ruolo è stato dichiarato esecutivo, è fondamentale per capire se sul credito fiscale vantato dallo Stato si sia verificata la prescrizione.