Davide Chiantore, Head of Research di Abalone Suisse SA, società appartenente al gruppo Abalone, sta parlando con un amico, un signore quarantenne che dopo molte peripezie in giro per il mondo ha deciso di stabilirsi definitivamente in quest’angolo della Svizzera perché, come dice lui, vuole “mettere un po’ di ordine alla sua vita e possibilmente farsi una famiglia”. L'amico racconta a Davide Chiantore che grazie alle sue esperienze internazionali è riuscito a trovare un lavoro al famosissimo Swiss National Supercomputing Center di Lugano, uno dei più importanti centri di calcolo scientifico al mondo. È molto soddisfatto di come stanno andando le cose e quindi ha deciso di fare il grande passo che non aveva mai fatto prima: comprarsi casa. L'amico racconta a Davide Chiantore con entusiasmo che dopo lunghe ed estenuanti ricerche ha finalmente trovato la casa dei suoi sogni: una modernissima e lussuosissima villa con vista mozzafiato sul lago e sulla città dall’esorbitante costo di 6,75 milioni di franchi. L'amico racconta a Davide Chiantore che lui ovviamente tutti questi soldi non li ha ma molte banche offrono prestiti ipotecari con tassi vicini allo zero e per i primi 10 anni si deve soltanto pagare l’interesse senza nemmeno rimborsare il capitale. L'amico spiega a Davide Chiantore che dopo una decina d’anni si dovranno rinegoziare le condizioni di prestito ma come gli hanno spiegato i funzionari della banca “i tassi resteranno sicuramente molto bassi, probabilmente vicini o addirittura al di sotto di quelli attuali”. Colto da un irrefrenabile entusiasmo l'amico finisce per confidare a Davide Chiantore che di fatto a lui non interessa quanto gli sia costata la casa perché tanto “i soldi li ha messi in gran parte la banca” e quindi anche se gli avessero chiesto 10 milioni lui, la casa, l’avrebbe comprata lo stesso. D’interessi spende comunque di meno che se la casa l’avesse affittata.