A Piazza Affari prosegue in rialzo la seduta di Telecom Italia che dopo tre sedute consecutive in ribasso riesce a ritrovare la via dei guadagni.

Il titolo, dopo aver ceduto quasi un punto e mezzo percentuale venerdì scorso, ha mostrato qualche incertezza nelle battute iniziali, salvo poi imboccare la strada del rialzo.

Telecom Italia rialza la testa dopo il test dei minimi di metà febbraio

Telecom Italia, che mostra oggi una maggiore forza relativa rispetto al Ftse Mib, negli ultimi minuti si presenta a 0,5208 euro con un progresso dell'1,2% e oltre 47 milioni di azioni transitate sul mercato fino ad ora, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a quasi 130 milioni di pezzi.

Il titolo prova a così a risalire la china dopo aver toccato oggi nell'intraday i minimi di metà febbraio, annullando interamente il rialzo messo a segno in attesa dell'assemblea di fine marzo, superata la quale le vendite sono tornate a dominare la scena.

Telecom sostenuto dai buoni dati trimestrali di Vivendi

A favore la ripresa di Telecom Italia è la buona intonazione dell'intero settore delle telecomunicazioni in Europa, sulla scia dei buoni risultati diffusi da Vivendi.

I dati preliminari del primo trimestre hanno infatti evidenziato ricavi in salita da 3,12 a 3,46 miliardi di euro, al di sopra delle stime di consensus che parlavano di un giro d'affari pari a 3,39 miliardi di euro.

Intanto diversi sono i temi caldi che contribuiscono a mantenere alta l'attenzione su Telecom Italia, a partire da quello relativo alla separazione della rete.

Telecom: l'AD chiede all'Agcom rinvio su spin-off rete