In una giornata poco mossa per il Ftse Mib, fotografato al close un filo sopra la parità dopo una seconda parte di seduta incerta, si è messo quest'oggi in mostra a Piazza Affari Telecom Italia, che ha nettamente sovraperformato il listino delle blue chips milanesi allungando la striscia di rialzi messa a segno negli ultimi giorni.

Telecom sale ancora. Titolo sui massimi di un mese

Il titolo, alla sua quarta seduta in verde, è salito nel corso della giornata fino a un massimo intraday a quota 0,5134 euro, livello che non toccava dalla seduta dello scorso 29 luglio, e dopo un parziale ritracciamento ha archiviato gli scambi a quota 0,5093 euro, in progresso dell'1,1% e con circa 96 milioni di azioni transitate sul mercato, oltre la media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 72,2 milioni di pezzi.

Telecom spinto da una promozione di JP Morgan

A dare un'ulteriore spinta al rally di Telecom ha contribuito oggi una promozione arrivata dagli analisti di Jp Morgan.

La banca d'affari americana ha infatti alzato la raccomandazione su Tim a Overweight, con un prezzo obiettivo migliorato da 0,55 a 0,69 euro (e da 0,51 a 0,69 euro per le azioni da risparmio), in un report in cui discute i principali dossier che interessano la società guidata da Luigi Gubitosi: dalle questini legate a un possibile riassetto della governance al tema dell'aggregazione con Open Fiber, e passando per le strategie legate a Inwit e a Tim Brasil.

Telecom sottovalutato?

Alla base della decisione del broker è la constatazione che la performance borsistica dell'ex monopolista, che da mesi che da mesi fatica a risollevarsi dai minimi storici, ha fatto sì che esso sia ormai sottovalutato, e in questa prospettiva le azioni appaiono “ben posizionate per un re-rating in vista di operazioni di fusione e acquisizione, oltre che di una riduzione del debito e una stabilizzazione degli utili”.