Quale sarà il trend del petrolio nell’anno 2019? C’è chi prevede un rally, ma è veramente così? Sicuramente sarà un anno complicato per il Brent. Scopriamo in questa guida perché e quali sono le reali previsioni dell’andamento della quotazione del petrolio.

Trend petrolio 2019: cosa accadrà?

I primi mesi del corrente sono stati caratterizzati da una costante progressione al rialzo che, tra il mese di aprile ed il mese di maggio 2019 ha condotto l’oro nero del mare del nord fino ad un picco di $75, con il greggio texano che lo ha accompagnato fino ad oltre $66 al barile.

La quotazione, però, è improvvisamente crollata tra la fine di maggio e l’inizio di giugno: una brutale flessione che, in pochi giorni ha bruciato l'aumento registrato nei primi cinque mesi, riconducendo il prezzo sui valori dell’inizio dell’anno.

Flessione petrolio e guerra commerciale Washington-Pechino: quali sono i legami?

Gli analisti non hanno dubbi: la causa principale dell’improvviso crollo del petrolio è dovuto alla guerra commerciale in atto tra Cina e Stati Uniti.

Lo scorso 10 maggio abbiamo assistito all’incremento delle tariffe all’importazione dal 10 al 25%, che hanno cagionato una contrazione di oltre 200 miliardi di valore dell’Export dalla Cina agli Usa.

La tensione ha raggiunto l’apice quando l’Amministrazione Trump ha esteso il conflitto al comparto hi-tech. Come noto, il colosso Huawei è stato recentemente additato di costituire un "pericolo per la sicurezza nazionale" e, pressoché immediatamente, suoi partner storici come Google (che ha dichiarato non fornirà a Huawei ulteriori aggiornamenti del sistema Android), Qualcomm, Broadcom ed Intel hanno annunciato che interromperanno con essa ogni rapporto di scambio commerciale.