• In uno scenario che continua a essere caratterizzato da crescita lenta e bassi rendimenti, nel 2020 potrebbero presentarsi cinque nuovi possibili sviluppi che potrebbero avere un impatto sui mercati.
  • I potenziali scenari sono: accordo generale tra Stati Uniti e Cina in merito alla disputa commerciale; risultati inattesi alle elezioni statunitensi; stimoli fiscali nell'UE; catastrofe climatica e conflitto in Medio Oriente.
  • Questi eventi potrebbero dare una forte spinta all’azionario emergente (tregua della guerra commerciale) e a quello europeo (stimoli fiscali nell’UE), portare gli investitori a essere sottopesati nell’azionario statunitense (risultati inattesi alle elezioni americane), accrescere l’interesse degli investitori per il tema della sostenibilità (catastrofe climatica) e portare al rialzo i titoli del comparto dei servizi petroliferi (conflitto in Medio Oriente).
  • Per lo scenario di base, UBS Asset Management stima una riduzione dei rischi geopolitici, la stabilizzazione della crescita economica in Cina e una politica monetaria più flessibile, capace di trainare la ripresa della crescita economica globale.

UBS Asset Management ha pubblicato oggi Panorama: il market outlook per il 2020 nel quale si prevede una moderata riaccelerazione della crescita globale nei primi mesi dell'anno, con una riduzione dei rischi geopolitici a breve termine, la stabilizzazione del rallentamento della crescita economica cinese. Infine si stima che l'impatto della politica monetaria globale più accomodante - che si ripercuote sulla domanda - sarà visibile più in là nel tempo. Il rischio geopolitico resta la principale minaccia per il nostro scenario di base.