Avvio di settimana in rosso a Piazza Affari per Unicredit, che risente oggi di un nuovo scivolone del Ftse Mib (-0,9%) con lo stallo dei negoziati USA-Cina sui dazi e paga inoltre, insieme a tutto il comparto bancario ,la pressione esercitata da una risalita dello spread tra Btp e Bund tedeschi, stamane salito sopra quota 280. 

Unicredit: la giornata di Borsa

Il titolo, che aveva archiviato la sessione di scambi di venerdì scorso con un rialzo frazionale dello 0,74%, viene fotografato alle 14.30 a quota 10,964 euro, in flessione del 2,18% rispetto ai livelli della vigilia e con circa 5 milioni di azioni transitate sul mercato a fronte di una media giornaliera negli ultimi tre mesi pari a circa 16 milioni.

Unicredit: focus ancora su trimestrale e cessione Fineco

Intanto, l'istituto di Piazza Gae Aulenti resta sotto i riflettori del mercato dopo la pubblicazione la scorsa settimana dei risultati del primo trimestre 2019 e la vendita di una significativa quota di Fineco, con la conseguente uscita della banca digitale dal perimetro del gruppo. 

Unicredit, UBS: rafforzato il profilo del capitale

In una nota di commento sulla trimestrale, gli analisti di UBS annoverano oggi tra le indicazioni positive emerse dal rendiconto trimestrale proprio il rafforzamento della posizione di capitale del gruppo dopo la vendita di asset. Su questo fronte, gli analisti hanno infatti allineato la loro previsione alla guidance del management (Cet 1 ratio al 12,5%) e si aspettano peraltro, con l'avvicinarsi della presentazione del nuovo piano industriale previsto per dicembre, un conseguente refocusing verso le politiche di remunerazione degli azionisti.