A Piazza Affari anche la seduta odierna è caratterizzata da numerosi acquisti sui titoli del settore utility che si spingono ancora in avanti dopo il buon rialzo della vigilia.

Utility: ancora denaro dopo il rialzo della vigilia. Snobbato calo BTP

La migliore performance è quella di Enel che conquista il primo posto nel Ftse Mib, con un rialzo del 2,04%, su nuovi massimi dell'anno, seguito da Italgas ed Hera che salgono rispettivamente dell'1,25% e dell'1,04%.

Snam e Terna viaggiano entrambi in progresso dello 0,8%, lasciando più indietro A2A che si accontenta di un rialzo più contenuto dello 0,48%.

A due velocità invece i titoli a minore capitalizzazione che vedono Iren ed Erg in rosso rispettivamente dello 0,14% e dello 0,8%, diversamente da Acea e Ascopiave che guadagno lo 0,54% e l'1,6%.

Le utility, al pari di quanto accaduto ieri, non sembrano risentire in alcun modo delle negative indicazioni che arrivano dal mercato obbligazionario.

Dopo i sell delle due sessioni precedenti, anche oggi i BTP continuano a perdere terreno, con il rendimento del decennale che sale di oltre il 2% ad un passo dall'1,43%.

Utility: Deutsche Bank vede rosa. I titoli su cui puntare ora

Le utility continuano ad essere oggetto di acquisti anche sulla scia di giudizi espressi da alcuni analisti nelle ultime giornate.

Non più tardi di ieri Deutsche Bank ha diffuso un report dedicato alle utility europee, nel quale hanno evidenziato che il contesto è ancora positivo.

Da una parte il settore ha sovraperformato quest'anno, ma dall'altra le previsioni sono incoraggianti visto che il trend in atto dovrebbe proseguire nel 2020 grazie ai bassi rendimenti del mercato obbligazione e alla solida crescita degli utili nel medio termine.