A Piazza Affari la seduta odierna sta regalando spunti positivi nel settore delle utilities, con Italgas in rialzo del 2,13%, tallonato da A2A che sale dell'1,7%, mentre Snam e Terna guadagnano rispettivamente l'1,61% e l'1,5%, insieme ad Enel che mostra un progresso dell'1,43%.

Ben intonati anche i titoli a minore capitalizzazione, con ERG che avanza dell'1,17%, preceduto da Iren ed Hera che mostrano un vantaggio dellì1,82% e dell'1,96%.

Le indicazioni dei broker su A2A

Nelle ultime giornate i titoli del comparto sono finiti sotto la lente di diverse banche d'affari che si sono espresse in modo differente sui vari temi.

Sono contrastati i giudizi su A2A che per Mediobanca Securities merita una raccomandazione "outperform", con un prezzo obiettivo a 1,7 euro.

La conferma bullish è giunta dopo i recenti rumors di un interesse da parte del gruppo agli asset in vendita di Sorgenia.

Positivi anche i colleghi di Fidentiis che su A2A mantengono invariato il rating "buy", segnalando che i pretendenti in corsa per Sorgenia sono operatori piuttosto forti e questo dovrebbe rendere il processo di vendita più duro.

Meno entusiastica la view di Equita SIM che nei giorni scorsi ha riservato una bocciatura ad A2A, con un cambio di strategia da "buy" a "hold", a fronte di un target price ritoccato al ribasso da 1,78 a 1,73 euro.

Il downgrade è da ricondurre allo scenario più incerto nella powergen con riferimento all'anno in corso e al prossimo, ma anche ad un taglio delle stime dell'Ebitda e dell'utile netto, nell'ordine rispettivamente del 3% e del 10%.