La piazza azionaria americana vive un week-end più lungo del solito visto che oggi rimarrà chiusa per la festività del Martin Luther King Day. Da domani Wall Street dovrà misurarsi però con una serie di importanti dati macro e trimestrali societarie da seguire con attenzione.

I market movers della settimana in America

Per domani è previsto un solo aggiornamento macro e si tratta dell'indice New York Empire State Manufacturing che in riferimento al mese di gennaio dovrebbe salire leggermente da 18 a 18,5 punti.

Sul versante societario si segnalano prima dell'avvio degli scambi i risultati del quarto trimestre di Citigroup e di UnitedHealth Group, dai quali ci si attende un utile per azione pari rispettivamente a 1,19 e a 2,51 dollari.

Mercoledì sarà reso noto l'indice settimanale relativo alle richieste di mutui ipotecari e l'indice Redbook riferito alle vendite al dettaglio nelle maggiori catene Usa.
Ancora più rilevante l'aggiornamento sulla produzione industriale di dicembre che dovrebbe salire dello 0,3% rispetto allo 0,2% di novembre, mentre la capacità di utilizzo degli impianti dovrebbe aumentare dal 77,1% al 77,3%. Per l'indice Nahb di gennaio si stima un calo da 74 a 73 punti.

Due ore prima della chiusura di Wall Street si guarderà al Beige Book, il tradizionale report della Fed sullo stato di salute dell'economia a stelle e strisce.
In calendario un discorso di Charles Evans, presidente della Fed di Chicago, oltre al quale parlerà Robert Kaplan, a capo della Fed di Dallas, ma a prendere la parola sarà anche Loretta Mester, numero uno della Fed di Cleveland.