Inizio d'ottava a passo di gambero per la piazza azionaria di Wall Street che prolunga così i forti ribassi registrati venerdì scorso. A conclusione della giornata di scambi, infatti, il Nasdaq Composite ha perso il 2,27% a 6.753,73 punti con al gancio il Dow Jones, -2,11% a 23.592,98 punti, e l'ampio indice S&P 500, -2,08% a 2.545,94 punti. Netto rosso a fine giornata pure per il listino delle medie capitalizzazioni Russell 2000 che ha lasciato sul parterre il 2,31% a 1.378,16 punti. 



In linea con quanto rilevato venerdì scorso, anche oggi la seduta è stata condizionata dai timori di rallentamento della crescita dell'economia USA, ma soprattutto dall'attesa sui tassi di interesse visto che mercoledì prossimo, 19 dicembre 2018, la Federal Reserve potrebbe alzare il costo del denaro di un altro quarto di punto. C'è forte preoccupazione sull'impatto che la politica monetaria restrittiva avrà sull'economia americana al punto che in queste ore, con un tweet, il Presidente Donald Trump è tornato ad attaccare la Federal Reserve.