Dopo la chiusura in buon rialzo di ieri, la piazza azionaria americana potrebbe tentare di dare vita ad allungo, pur mostrando un andamento cauto nella fase di pre-apertura. Il future sull'S&P500 evidenzia un frazionale rialzo dello 0,009%, preceduto da quello sul Nasdaq100 che sale delo 0,18%.

Il mercato non ha dato vita a reazioni di rilievo dopo la diffusione dell'unico dato macro di oggi, rappresentato dall'inflazione che a febbraio ha evidenziato una variazione positiva dello 0,2%, in rialzo rispetto alla lettura sulla parità di gennaio, ma in linea con le aspettative.

La versione "core", depurata cioè delle componenti più volatili quali alimentari ed energia, è salita dello 0,1%, in frenata rispetto allo 0,2% di gennaio e al di sotto dello 0,2% messo in conto dagli analisti. 

Sul fronte valutario il dollaro è debole contro lo yen e si presenta appena sotto la soglia di 111,20, e viaggia in flessione anche rispetto all'euro che risale la china poco oltre area 1,1280.

Non si fermano gli acquisti sul petrolio che dopo il progresso di ieri si spinge ancora in avanti e sale in direzione dei 57,5 dollari al barile, ma il segno più oggi precede anche l'oro che guadagna terreno e si riporta a quota 1.298,5 dollari l'oncia.

Sei affascinato dai mercati finanziari e vorresti diventare un bravo trader?

Iscriviti da qui per rimanere sempre aggiornato sugli eventi di formazione gratuita di Trend-Online.com